OmniAuto.it
Salario minimo alla tedesca per gli autisti stranieri - Attualità e Mercato

23 febbraio 2015
di E.M.
tag: Attualità e Mercato

Stampa
Invia ad un amico
Commenti (0)

Salario minimo alla tedesca per gli autisti stranieri

Otto euro e mezzo l'ora questo è il salario minimo approvato dalla maggioranza di governo della Germania

La CDU di Angela Merkel, la CSU e i socialdemocratici della SPD hanno approvato la norma per cui anche gli autisti di imprese di trasporto non tedesche devono venire retribuiti allo stesso modo. Dal primo gennaio 2015, le società devono anzi preventivamente avvisare uno specifico ufficio doganale di Colonia (anche solo via fax) degli spostamenti dei propri mezzi in territorio tedesco. Dove già sono previsti le nuove previste le nuove tariffe per il pedaggio: ridotte nell'entità dietro imposizione dell'UE, ma aumentate negli effetti per via della riduzione della soglia di esenzione (da 12 a 7,5 tonnellate) e per via dell'estensione della rete (mille chilometri aggiuntivi) su cui è obbligatorio pagare.

LA NORMA SI APPLICA IN CASO DI CARICO E SCARICO
Alla sollevazione da parte dei Paesi confinanti, dell'est in particolare, con la Polonia e la Repubblica Ceca a guidare la rivolta, il governo tedesco ha parzialmente aggiustato il tiro. La norma sul salario minimo verrà applicata solo a quei vettori che caricano o scaricano in Germania. In attesa che l'Unione Europea si pronunci sul delicatissimo tema, il pagamento degli 8,5 euro l'ora agli autisti non verranno richiesti se i veicoli si limiteranno a transitare sul territorio tedesco. Secondo le più recenti stime delle autorità tedesche, ogni anno le società non tedesche effettuano 411 milioni di trasporti. Il salario minimo dovrebbe venire riconosciuto agli autisti durante per l'intera durata tedesca del viaggio. Le aziende dell'Est hanno fatto sapere di non potersi permettere quelle cifre e molte rischierebbero il fallimento.

ATTESA PER LA DECISIONE DI BRUXELLES
Diverse grandi industrie hanno parzialmente delocalizzato la produzione nei vicini Paesi dell'Europa orientale, dove i contratti sono meno onerosi. Adesso, per effetto della norma sul salario minimo, le stesse dovranno però far trasportare le proprie merci da persone pagate allo stesso livello dei lavoratori tedeschi. La legge sul salario minimo – pur meritoria – appare quasi come una forma di protezionismo a favore della aziende tedesche di autotrasporto. Nel giro di qualche mese è attesa la decisione di Bruxelles sulla controversa applicazione della legge.

Listino del Nuovo

Tutti i veicoli commerciali
Vai al listino