OmniAuto.it
Pickup Fiat Mitsubishi - Galleria Attualità e Mercato
Fiat arriva un nuovo pick-up - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 1 Fiat arriva un nuovo pick-up - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 2 Fiat arriva un nuovo pick-up - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 3 Fiat arriva un nuovo pick-up - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 4 Fiat arriva un nuovo pick-up - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 5 Fiat arriva un nuovo pick-up - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 6 Fiat arriva un nuovo pick-up - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 7 Fiat arriva un nuovo pick-up - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 8 Fiat arriva un nuovo pick-up - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 9 Fiat arriva un nuovo pick-up - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 10

19 settembre 2014
di Francesco Stazi
tag: Attualità e Mercato, Fiat Professional

Stampa
Invia ad un amico
Commenti (0)

Fiat arriva un nuovo pick-up

C'è l'accordo con Mitsubishi per sfruttare la piattaforma del prossimo L200

Grandi movimenti del settore di veicoli commerciali stanno interessando il gruppo FCA in questa seconda metà del 2014. Dopo l’annuncio di unmemorandum d’intesa con Renault per la costruzione e commercializzazione un mid van, ecco un altro, peraltro altrettanto lapidario, annuncio di un accordo con Mitsubishi per la produzione di un pick-up.

QUASI CERTA LA PIATTAFORMA
Se nel primo caso non ci è dato di sapere su quale base verrà costruito il nuovo van, in questo sappiamo per certo che avrà la piattaforma del nuovo L200 (venduto dal 2016) e che probabilmente deriverà dal concept GR-HEV visto al Salone di Ginevra 2013. Altrettanto probabilmente, però, il nuovo cassonato 4x4 non sarà ibrido (come il concept) e dovrà comunque piacere anche al mercato USA, visto che poi è la motivazione principale per cui Fiat Professional dovrebbe mettersi in gamma un veicolo del genere, considerando che l’attuale Strada è un pick-up solo come carrozzeria visto che si tratta di un 4x2 a trazione anteriore dalle capacità di carico limitate.

UN MERCATO CHE GUARDA LONTANO
In Europa, infatti, il mercato dei pick-up non presenta grandissimi numeri, per non parlare dell’Italia dove la legislazione che li obbliga a essere immatricolati esclusivamente come veicoli commerciali ne limita fortemente la diffusione. Quello che emerge, però, da questi ultimi due annunci della Casa italo-americana, assieme alla notizia della nascita del nuovo Doblò, è la volontà di mantenere ben saldi gli assett delle fabbriche di Tofas (Doblò, nuovo Doblò e Fiorino) e di Sevel Sud (Ducato), mentre sia ci affida alle joint venture per gli altri modelli, cercando nuove e forse più vantaggiose partnership.

Listino del Nuovo

Tutti i veicoli commerciali
Vai al listino

Gamma Fiat Professional