OmniAuto.it
landi-renzo-va-negli-usa - Galleria Eco e ambiente
Landi Renzo va negli USA   - Galleria Eco e ambiente- Thumb 1 Landi Renzo va negli USA   - Galleria Eco e ambiente- Thumb 2 Landi Renzo va negli USA   - Galleria Eco e ambiente- Thumb 3 Landi Renzo va negli USA   - Galleria Eco e ambiente- Thumb 4 Landi Renzo va negli USA   - Galleria Eco e ambiente- Thumb 5

21 settembre 2010
di Gabriele Bolognini
tag: Eco e ambiente, Landi Renzo

Stampa
Invia ad un amico
Commenti (0)

Landi Renzo va negli USA

Inaugurata in questi giorni la filiale Californiana

La società di Cavriago, in provincia di Reggio Emilia, da anni fornitrice delle maggiori Case automobilistiche di componenti e sistemi per veicoli a meteno e gpl, inaugura in questi giorni la Landi Renzo USA Corporation con sede nella contea Los Angeles.
Nel vasto mercato statunitense è atteso, non oltre il 2014, il ‘boom’ delle auto alimentate a gpl e metano: per quell’epoca la Landi Renzo sarà già presente. Questa prospettiva è resa concreta dall’attuale amministrazione Obama fortemente orientata allo sfruttamento delle fonti energetiche ‘pulite’. Un vasto programma di riconversione delle flotte americane (sia pubbliche che private), da benzina a gpl o metano, il Natural Gas Act, è in attesa di essere approvato dal Senato.
Per ottenere le complesse certificazioni necessarie per operare in USA lo scorso luglio, la società italiana ha acquistato la Baytech Corporation (già in possesso di tali certificazioni).

COME NASCE LA LANDI RENZO
L’azienda reggiana nasce con il nome di Officine Meccaniche Renzo Landi nel 1954.
“In quegli anni si faceva tutto internamente – ricordano i primi dipendenti – partendo da modelli in legno si facevano fusioni in terra e si sviluppavano i prototipi di riduttori di pressione e tutti i componenti particolari per ogni vettura”.
Officine Meccaniche Renzo Landi è l’unica azienda di quegli anni a costruire miscelatori specifici per ogni tipo di mezzo e ad effettuare le registrazioni direttamente sulle singole macchine.
Verso la fine degli anni ‘50, con l’estensione della rete di metanodotti e della rete distributiva del gas gpl, diventa più semplice reperire il carburante e presto aumentano anche gli utilizzatori. In quegli anni sono soprattutto i furgoni da trasporto a richiedere la maggior parte di interventi.

ALLA CONQUISTA DEI MERCATI ESTERI
All’inizio degli anni ‘60 l’azienda dispone già di una gamma completa di apparecchiature per la conversione degli autoveicoli a gpl e a metano presenti sul mercato, oltre a conoscenze tecniche all’avanguardia.
Inizia l’attività di vendita esterna ai clienti installatori e la formazione di una vera e propria rete commerciale con rappresentati che arrivano a coprire tutto il territorio italiano.
Le esportazioni, dirette verso Giappone, Francia, Belgio e Olanda, cominciano a giocare un ruolo determinante a partire dal 1963-64; in seguito si aprono altre opportunità nei mercati dell’Europa orientale, dell’India e del Sud America.
Dalla metà degli anni ‘60 si procede a modificare la struttura produttiva aziendale, diversificandola in piccole aziende satelliti al fine di aumentare la flessibilità e la competitività produttiva e di mercato.

DAGLI ANNI '80 AL 2000 ED OLTRE
Nei primi anni ‘80 si cominciano ad effettuare studi, ricerche e applicazioni anche sui motori diesel in collaborazione con il CNR di Napoli.
Nel 1993 la Landi Renzo assume il controllo della Landi Srl e di Eurogas Holding BV, azienda olandese che opera nel medesimo settore. Negli anni seguenti vengono aperte filiali in Polonia, Cina, Brasile e Pakistan e acquistata la Med SpA di Mancasale.
Nel 2001 l’azienda si trasferisce nella nuova sede di Cavriago.
Grazie a mirate strategie aziendali, vengono sviluppati rapporti di collaborazione con le più importanti case automobilistiche, che cominciano ad interessarsi direttamente a forme di alimentazione alternative.
Oggi sono numerose le vetture che escono dalle fabbriche e dalle concessionarie già equipaggiate con sistemi di alimentazione a metano e gpl interamente o in parte prodotti da Landi Renzo.
L’ultima novità tecnologica di casa Landi è il sistema DualFuel, presentata a Roma in occasione del NGV Roma 2010, che prevede l’utilizzo del gas anche nei motori Diesel. In pratica il motore Diesel sarà in grado, con questo sistema innovativo, di bruciare contemporaneamente gasolio e gas in proporzioni variabili. La soluzione consentirà di risparmiare sul pieno di gasolio (che si riduce di un 15%) e ridurrà notevolmente le emissioni nocive. La trasformazione, in linea di massima, costerà quanto quella di un comune motore a benzina. Un passo importante anche per i veicoli commerciali leggeri, visto che la riduzione di particolato potrebbe renderli altrettanto puliti quanto i veicoli più nuovi con filtro specifico. Il kit nella versione definitiva dovrebbe debuttare sul mercato tra la fine del 2010 e l’inizio del 2011 e inizialmente riguarderà soltanto alcune motorizzazioni, come l'8 valvole 1.9 JTD da 120 CV di Fiat.

Listino del Nuovo

Tutti i veicoli commerciali
Vai al listino

Gamma Landi Renzo